Si chiamano sfide, non problemi

Dietro la parola "problemi" si nasconde il termine "sfide" e la lotta per ottenere ciò che si desidera è essa stessa un elemento di felicità.

0
105
Un paio di scarpe rosse

Ogni giorno, il dono della vita viene strappato indebitamente ad innocenti. Morti assurde e violente, come quelle recenti causate dagli attentati terroristici a Bruxelles o che hanno travolto giovani studenti in Spagna, sollevano costantemente paure e domande sempiterne: perché viviamo, qual è il senso della vita, con che criterio essa viene tolta o regalata.

Nonostante le innumerevoli teorie, fedi e filosofie, la verità è che nessuno può conoscere con certezza il disegno imperscrutabile della vita umana, perché la nostra mente non è strutturata per essere onnisciente. Il rischio della nostra ineludibile ignoranza è di vivere con un’ansia perenne per timore di sciagure imminenti oppure, al contrario, vivere come se si fosse eterni, dimenticando che il tempo è limitato. O, ancora, di non riuscire a gioire più perché qualche affetto se ne è andato per sempre. Fare del bene, essere fedeli a se stessi, non coartando le proprie aspirazioni e attitudini, è sempre il modo migliore per vivere i nostri giorni.

Dietro la parola problemi si nasconde, in realtà, il termine sfide e la lotta per ottenere ciò che si desidera è essa stessa un elemento di felicità. Ma essere troppo intransigenti con se stessi è ingiusto, l’errore si attaglia alla natura umana e non possiamo condannarci impietosamente se non riusciamo laddove vorremmo. Per non avere rimorsi o rimpianti è sufficiente dare il meglio di sé nel momento in cui ci viene richiesto, anche se potrebbe non coincidere con il meglio che potremmo dare in senso assoluto: la contingenza temporale, l’esperienza raggiunta e lo stato d’animo non sono sempre in sintonia sinergica e la fortuna gioca sempre un ruolo importante.

E per chi si macera nell’afflizione perché tutti i problemi paiono inconsolabili rispetto alla perdita di persone care, risulterebbe vincente sublimare il dolore in energia creatrice, creatrice di ciò che avrebbero voluto coloro che non ci sono più. I quali, se vedessero i sopravvissuti amati vivere in una mesta astenia, volta a rinunciare ai piaceri, così come sono stati negati loro, non soffrirebbero forse viepiù?

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.